Ultima modifica: 10 Gennaio 2019

Raduno dei Babbi Natale 2016

Il 4 dicembre 2016  c’è  stato  il più grande raduno di Babbi Natale d’Italia davanti all’ospedale pediatrico Regina Margherita, un evento che ogni anno coinvolge grandi e piccoli, con l’obiettivo di vivere e condividere una giornata emozionante, calda ed intensa. Il raduno è dedicato ai piccoli ricoverati e proprio per questo, l’ impulso parte dai bambini, dalle scuole, dagli insegnanti e dalle famiglie.  La fondazione FORMA  organizza  questa  Manifestazione per raccogliere fondi  a favore dell’ospedale: quest”anno  i fondi servivamo per attrezzare  una stanza del pronto soccorso  con tutti i macchinari necessari agli interventi definiti a “codice rosso”.

All’interno dell’evento è  stato  organizzato  un concorso per le scuole “Un Natale sostenibile per forma” : il compito era quello di realizzare un albero di natale  con materiale riciclato. Hanno partecipato 158 scuole in un mix di creatività, educazione e didattica tutti insieme tutti insieme abbiamo colorato la piazza dell’Ospedale con la mostra delle nostre opere.

Il concorso quest’anno si  è presentato nuovo: non più un’unica struttura da cui realizzare l’opera, ma tanti pezzi, ognuno con la propria storia, che ci sono stati consegnati nel mese di ottobre durante una giornata al Palavela di Torino. Da questi pezzi ha poi preso forma l’opera finale.

Un unico obiettivo: i bambini del Regina Margherita, ma anche un filo conduttore: il riciclo, all’insegna della riduzione dei rifiuti.

Il nostro Istituto ha realizzato tre alberi: il ciliegio della scuola dell’infanzia, l’albero dell’alluvione e quello della sapienza.

Albero ciliegio

Albero ciliegio

Albero della sapienza

Albero della sapienza

Albero dell'Alluvione

Albero dell’Alluvione

RISULTATO: le classi  5A e 5C della scuola primaria “B. Fenoglio”hanno vinto  il primo premio con il loro albero della sapienza! Il premio consiste  in un buono di euro 250 da spendere in materiale didattico.
Le insegnanti delle suddette classi hanno deciso di donare tale somma per acquistare materiale per la scuola che ha sede presso l’ospedale.